perché

la passerella, tra lo scoglio e l’antenna

Partire e tornare, andare e restare. Proteggersi dai pirati e tendere, ancora e sempre, verso il mare.

La passerella è un ponte tra la rocca e l’altrove. ‘U Scigghiju, lo  scoglio, ripara dal pericolo, concede la sosta. E la tentazione  dell’arroccamento. Ma a mare sempre in difesa non si può stare. Ecco  che l’antenna della passerella capta, decifra, avvista quello che c’è, ma non è ancora così palese.

Annunci

Un pensiero su “perché

  1. Pingback: Di arroccamenti, antenne e passerelle… #CalabriaOltre | Sguardi e prospettive

I commenti sono chiusi.